Bando Starter
Logo aziendale

Stai davvero investendo in ricerca e sviluppo?

In Italia si spende l’1.51% del PIL per ricerca e sviluppo (ISTAT 2020). Questo dato rappresenta un miglioramento non trascurabile rispetto all’1.26% rilevato nel 2012, ma è ancora drasticamente inferiore se comparato a paesi come Israele (4.53%), Svezia (4.53%) o Finlandia (4.53%)

Questo ritardo può essere in parte dovuto alla composizione del tessuto economico italiano, dove le PMI non sempre hanno possibilità di rinunciare a profitti certi oggi per investire in innovazioni future. Per favorire il processo di ricerca e sviluppo, le imprese italiane possono però beneficiare di agevolazioni concesse dal PNRR, sotto forma di contributi a fondo perduto e crediti d’imposta. 

Esattamente la ricerca e sviluppo cos’è?

Il termine ricerca e sviluppo si riferisce a tutte quelle attività all’interno di un’azienda volte a raggiungere l’innovazione tecnologica, applicando criteri simili alla ricerca scientifica e trascurando i profitti nel breve termine. 

Prendendo come esempio il credito d’imposta offerto dal Ministero delle imprese e del Made in Italy, gli interventi di ricerca e sviluppo si configurano come:

  • attività di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale in campo scientifico e tecnologico
  • attività di innovazione tecnologica finalizzate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati
  • attività di innovazione tecnologica 4.0 e green, per il raggiungimento di un obiettivo di transizione ecologica o di innovazione digitale 4.0

Tra le spese sostenibili per raggiungere questi obiettivi si annoverano:

  • spese per il personale
  • quote di ammortamento
  • spese per contratti di ricerca
  • spese per servizi di consulenza
  • spese per i materiali

Come ottenere le agevolazioni 

I fondi destinati alla ricerca e sviluppo sono solitamente assegnati con due modalità: la concessione di contributi a fondo perduto e i crediti d’imposta. 

Per i contributi a fondo perduto è necessario presentare un progetto dettagliato all’ente gestore dei fondi (ad esempio Invitalia). Questo verrà valutato da una commissione giudicatrice ed eventualmente finanziato. 

I crediti d’imposta si ottengono attraverso autodichiarazione, presentando i documenti che attestano gli investimenti aziendali come inerenti a questo obiettivo. 

I consulenti Abifin possono aiutare la tua impresa a realizzare il suo pieno potenziale attraverso l’ottenimento di fondi nazionali e europei. Scrivici oggi per esporci il tuo progetto.

Non perderti le altre pillole:

Dario Biagini

Le fiere internazionali

Le fiere internazionali rappresentano una vetrina di portata mondiale per aziende e professionisti che desiderano espandere la loro rete commerciale,

Dario Biagini

Il “Piano transizione 5.0”

Il nuovo decreto “Piano transizione 5.0”, approvato lo scorso febbraio dal Consiglio dei Ministri, incoraggia gli investimenti nella digitalizzazione e

FIERA MECSPE ABIFIN FINANZA AGEVOLATA
Irene Gambino

Fiera Mecspe 2024: vi aspettiamo!

Vi aspettiamo alla fiera MECSPE 2024 a Bologna. Saremo presenti al MECSPE 2024, ovvero la Fiera Internazionale per l’Industria Manifatturiera,